comunicazione riservata

   blog news di Sardegna 1 Comments

>comunicazione riservata e personale a quei sardi che stanno trasformando la Sardegna in Berlus-colonia.

I sardi esclusi dal governo, ascari sempre più sudditi e fedeli. In particolar modo i parvenus galluresi, l’acquisizione più recente, che sardi non lo sono mai stati troppo. Ma se glielo dici si offendono… Intanto hanno svenduto o regalato la loro terra (che una volta era anche nostra). Come vendersi la madre (che era un po’ anche nostra madre)… e senza fare una piega quando gli cambiavano anche la toponomastica. Come quando si parla degli americani: non tutti, naturalmente – conosco alcuni fra i migliori, quelli più resistenti – ma diciamo che i più si sono radunati lì…

Leggo su l’Altra Voce, in un articolo a firma di Giorgio Melis, arguto e divertente se non fosse dolorosamente tutto vero, che dice: “E’ annunciata una nuova visita pastorale con un grande carico di perline e specchietti (anche per allodole umanizzate) da distribuire ai bravi, pazienti e talora pezzenti buoni selvaggi nuragici. La Sardegna “canile di Arcore” evocato dieci anni fa da Cossiga senior, si è materializzato in tutto il suo splendore servile. Pensare che la dolorosa decisione di Berlusconi di escludere dal giro ministeriale i suoi eletti isolani è maturata domenica alla Certosa”.

Da noi le cose si usa cantarle piuttosto che pronunciarle in comizi. Nella tradizione non esistono le canzoni: solo versi affidati all’interpretazione di chi li coglie. Già altre volte mi è capitato di scrivere sulla questione. Ora voglio lasciare qui due righe con cui, già quattro anni fa, mettevo in guardia quel sardo che orgogliosamente si batte perché la sua terra venga consegnata interamente nelle mani rapaci del più subdolo e pericoloso fra i suoi colonizzatori.
Scrivo in logudorese… magari poi traduco. Per essere cantati devono rimare in una struttura tradizionale. Li raccolga liberamente chi vuole.

Pro unu sardu abistu

Bid’as a Berriscone?
trankillu ke Battista
léat, e si ndhe ríet da ‘e su Cumbentu.

Non li fuet occasione
de si fagher provvista
né paret ki si ponzat pessamentu.

L’asa dadu su votu
e luego l’as connotu.
Creías de b’áer sa parte? De s’apentu
com’iscobio su jogu:
isse su mere e tue…
abbárras piógu!

s’11 ‘e cabidanni de su 2004

Ad un sardo dalla vista lunga.

Hai visto il grande Verro? Molto tranquillamente prende, e dalla Certosa se la ride. Non perde un’occasione per farsi le provviste e non sembra preoccuparsi. Gli hai dato il voto e subito si è scoperto. Credevi di spartire con lui? Ora ti svelo il meccanismo del giochetto: lui è il padrone, e tu… resti un pidocchio!

11 settembre 2004

>Prus chi no arrìri toccat chi prangeus
po su chi teneus a si guvernai
de is annus trinta nau ca unu peus
de su chi ddu est oi no eus tentu mai!

tanti sfortunada sa Sardinnia nosta
nascia po arricciri solu genti allena
ca benit innòi e nci fait sosta
de s’aliga sua tottu si dd’at prena
incaddotzendidda de costa in costa
cambiendi po finas colori a s’arena
sa locali scena aicci difendit:
sa Sardinnia bendit kentz’e nci pentzai

kentz’e nci pentzai po cali motivu
candu dd’imprommittint dinai e poderi?
de donnia dirittu su populu est privu
ddi pedint solu de fai su doveri
unu muntronaxu bellu radiattivu
eccus de itta su sardu nd’est meri
e unu furisteri benìu de Milanu
scuccau e nanu si dd’olit comprai

si dd’olit comprai ca si comprat tottu
s’Italia intera est in manu sua
trattat e bendit ponend avvolotu
meri in domu allena tottu fai e scùa
votus innòi puru ge nd’at arregotu
ma deu a issu candela no allùa
e cun frasi crua custu si ddu nau:
-cumenti arribau, torradind’a andai!-

torradind’a andai! Nannittu malignu
torranci a su logu de aundi ses beniu
a color’e cera cantu ses indignu
mi fais impressioni dogn’orta ti biu
mancu potzu nai:-t’aghenciu e ti spignu
ca in conca sa sorti no t’at favoriu
ma tui atriviu po podi arrennesci
a ndi fai cresci as deppiu impiantai

as deppiu impiantai cosa artificiali
o fortzis mangimi “Agricola Trexenta”
po chi poi sa genti non di pentzit mali
e ti potzat crei nendi “Mi consenta!”
sempri a manu tenta cun sa genti fini
o puru cun chini cambiendi programma
bendiat sa mamma po tenni unu votu
tantu nosu e totu seus a ci passai

Riccardo Pittau

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.